Origine e diffusione della Clownterapia tratto da “Ridere è una cosa seria” di D. Francescato.

I primi “medici Clown” negli ospedali sono comparsi a New York nel 1986. Il fondatore di questa iniziativa è stato Michael Christensen, clown del Big Apple Circus, e insieme a Paul Binder crea The Clown Care Unit, per divertire i bambini malati negli ospedali pediatrici. Oggi questa fondazione senza scolpo di lucro è presente nel territorio dello stato di New York,in sette ospedali. Le Rire Médicin in Francia, nel 1991, e la Fondazione Theodora in Svizzera, nel 1993, hanno iniziato programmi simili.

Pochi anni dopo la clownterapia inizierà anche a diffondersi in Italia nei principali ospedali pediatrici, come il S. Gerardo di Monza, il Gaslini di Genova e il Mayer di Firenze.

 

Grazie ai clown, i bambini sembrano meglio tollerare gli interventi di cura, perché ridendo, la paura, la tensione, il dolore diminuiscono.

 

Lo scopo delle “visite clown” è proprio quello di cercare di alleviare le sofferenze dei bimbi ricoverati: piccoli spettacoli, scherzi, giochi di magia, canzoncine, bolle di sapone, sono gli strumenti utilizzati per farli divertire. Le attività variano ogni volta, perché il clown, con grande sensibilità e capacità di ascolto, cerca di capire i gusti del piccolo paziente e di proporre quello che gli è più gradito.

Perche' ridere fa bene

Una risata coinvolge l’intero organismo, tanto che la medicina prende in considerazione sempre più seriamente il suo valore terapeutico. Durante una risata, aumentiamo la quantità d’aria scambiata tra i polmoni e l’esterno, liberandoci dell’aria residua ricca di anidride carbonica, che la normale espirazione non elimina. Così si aiuta a prevenire le infezioni e migliora l’ossigenazione del sangue. Inoltre il battito cardiaco accelera e la pressione sanguigna sale, favorendo il ritorno al cuore del sangue venoso e la pulizia dei vasi sanguigni.

Quanto ai muscoli, per ridere, se ne mettono in moto una sessantina, da quelli facciali e quelli delle spalle, del diaframma e dell’addome, e se quelli coinvolti nella risata si contraggono, gli altri si rilassano, alleviando le tensioni. Anche il sistema endocrino viene coinvolto, diversi studi hanno dimostrato che si riducono i livelli di cortisolo... insomma ridere è una medicina senza controindicazioni!!!

Dice Patch Adams

“...quando c'è una profonda sofferenza c'è bisogno di comicità. Le barzellette nascono proprio da ciò che ci causa nervosismo o stress emotivo. Fare il clown negli ospedali mi ha convinto che si può benissimo portare il proprio umorismo anche al capezzale di un morente. Immaginate di essere voi il malato e ritrovarvi con chi viene a farvi visita in una tetraggine dannosa per la stessa vostra vita. E’ questo il modo in cui vorreste trascorrere la vostra degenza in ospedale???...”

 

 

Patch e i Marameo un incontro indimenticabile...

ASSOCIAZIONE

DI VOLONTARIATO

CLOWN MARAMEO O.N.L.U.S.

Piazza De André, 76

15121 ALESSANDRIA

Cell. 392 901 2333

 

info_clownmarameo@yahoo.it

 

Cod. Fisc. 96037540067

Iscritta al Registro Provinciale del Volontariato con provvedimento del 24/01/03 n. 11/PROT.9328

 

AREA MARAMEO

 

PRIVACY & COOKIES POLICY

realizzazione STUDIO DE BERNARDI     illustrazioni JACOPO RICCI

Seguiteci

su FaceBook

Origine e diffusione della Clownterapia tratto da “Ridere è una cosa seria” di D. Francescato.
Perche' ridere fa bene Dice Patch Adams
Patch e i Marameo un incontro indimenticabile...
Origine e diffusione della Clownterapia tratto da “Ridere è una cosa seria” di D. Francescato.
Perche' ridere fa bene Dice Patch Adams
Patch e i Marameo un incontro indimenticabile...